Detrazioni per investimenti in Startup Innovative e PMI Innovative

Detrazioni per investimenti in Startup Innovative e PMI Innovative

8 Luglio 2021 Blog 0

L’articolo 29 del Dl 179/2012 ha previsto sin dall’inizio detrazioni IRPEF deduzioni IRES per gli investimenti effettuati nel capitale delle startup innovative. Attualmente tale detrazione ammonta:

– al 30% per gli investimenti effettuati da persone fisiche nei limiti di euro 1.000.000;

– al 30% per investimenti effettuati dai soggetti Ires fino all’importo massimo di euro 1.800.000.

Il DL 34/2020, il decreto liquidità, con l’articolo 38 è intervenuto aggiungendo al Dl 179/2012 l’articolo 29-bis che, in alternativa a quanto previsto dall’articolo 29, ha previsto, con decorrenza dal 19 maggio 2020, una detrazione ai fini Irpef, solo destinata alle persone fisiche, del 50% ed ha esteso la tipologia delle società beneficiarie di questi investimenti. Tale detrazione spetta alle persone fisiche che investono nel capitale di una o più:

– Startup innovative;

– PMI innovative.

L’importo massimo detraibile non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, euro 100.000 per le startup e 300.000 per le PMI.

L’agevolazione è concessa ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione europea del 18 dicembre 2013 sugli aiuti de minimis ed è diventata operativa con il Dm 28 dicembre 2020 del Mef e la circolare 1.2021 del Mise.

Essa è concessa previa autorizzazione del MISE rilasciata, o meno, in seguito ad istanza da inviarsi telematicamente attraverso l’apposito portale del Ministero dello Sviluppo Economico prima dell’effettuazione dell’investimento, pena l’impossibilità dell’ottenimento della detrazione. I controlli effettuati dal MISE saranno diretti alla verifica del non superamento della soglia massima di agevolazioni ricevuta in de minimis, 200.000 euro in tre anni.

In caso di investimenti superiori ad i limiti, sulla parte di investimento eccedente l’importo di euro 100.000, per le startup e euro 300.000 per le PMI, competerà la detrazione ordinaria del 30% dall’imposta lorda fermo restando il rispetto del limite “de minimis”.

Per entrambe le detrazioni, quella del 30% ordinaria e quella del 50% in de minimis, sia per le startup innovative che le PMI innovative, l’investimento:

  • può avvenire direttamente o per il tramite di organismi di investimento collettivo del risparmio che investono in start up innovative e PMI innovative;
  • deve essere mantenuto per almeno 3 anni pena decadenza del beneficio con obbligo di restituire l’importo detratto, insieme agli interessi legali.

Per altre informazioni riguardantii le startup innovative andare alla pagina introduttiva.

Per accedere alla piattaforma del MISE, sul sito di INVITALIA, per la richiesta di accesso alle agevolazioni in de minimis cliccare sul link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.